Home > Poesia > Centomila poeti per il cambiamento – La prefazione di Ilaria Catastini

Centomila poeti per il cambiamento – La prefazione di Ilaria Catastini

Centomila poeti per il cambiamento. Chi sono? Cosa vogliono? Eʼ forse un movimento politico? Lega internazionale di perditempo?
No, sono poeti. Poeti? A cosa servono? Elaborano la realtà, il passato, il presente e il futuro in una chiave universale, offrono una lettura di ciò che accade che va oltre la staticità delle immagini e delle notizie… Ah sì? E perché parlano di cambiamento? Perché cʼè in ognuno di loro la volontà di dare un messaggio che possa cambiare un tassello di mondo, che possa portare gli uomini ad essere migliori. Ma questo accadeva nellʼantichità, ora chi li ascolta più, i poeti? Sono in tanti a parlare, cʼè la televisione, cʼè internet… Che bisogno cʼè di ascoltare dei poeti?
La poesia parla al cuore delle persone, è allʼinformazione, la arricchisce di senso e di profondità. I giornali dovrebbero dare spazio alla poesia come veicolo dʼespressione, gli intellettuali dovrebbero ispirarsi ad essi, i politici
dovrebbero trarne spunti per il loro agire. Chi, i politici? E perché?
Perché chi fa politica deve avere uno sguardo che punta lontano, deve produrre cambiamento per il bene della collettività. Ma è proprio sicura di quello che sta dicendo? Le pare possibile che i politici possano dare ascolto a dei poeti? Certo, i poeti sono la pancia del popolo; lʼurlo che si alza dai poeti è lʼurlo della gente, loro ne sono megafoni sublimi; la loro ispirazione viene dallʼascolto del detto e del non detto, dellʼevidente e dellʼinvisibile agli occhi dei più. I poeti vanno ascoltati, letti, meditati. Un buon politico non deve fuggirli, ma deve cercarli. E di che parlano questi poeti, oltre che dʼamore e di malinconie? Parlano di diritti umani, parlano di guerra e di pace, di ambiente e di società globale, di emarginazione e di razzismo, parlano di etica e di lavoro. Tutti temi allʼordine del giorno in una società che sta allargando la forbice della diseguaglianza. E al centro della poesia cosa cʼè? Cʼè lʼUomo. LʼUomo che deve tornare al centro dellʼagire politico e civile. LʼUomo con i suoi bisogni, le sue speranze, il suo futuro.
§§§
Albeggi Edizioni partecipa allʼiniziativa mondiale 100 Thousand Poets for Change 2013 con questaAntologia di poeti contemporanei, che è stata in un numero limitato di copie senza scopo di lucro. Queste copie sono destinate arappresentanti delle Istituzioni italiane e dei mezzi di informazione, con lʼobiettivo di ridare dignità e importanza alla poesia come mezzo di espressione della denuncia e dellʼimpegno civile e come esortazione rivolta al mondo politico affinché si torni a mettere al centro del dibattito e dellʼazione politica il bene comune e i bisogni dellʼUomo. La raccolta è disponibile gratuitamente sul web. Tante le immagini e le riflessioni che evocano queste composizioni: la crudeltà dellʼuomoe il cinismo e lʼalienazione della società contemporanea; la guerra che devasta corpi e anime; la politica che si vorrebbe sana, e onesta, e attenta al bene comune, al rispetto dellʼambiente. Ci sono sguardi preoccupati sulle nuove povertà che si affacciano ai pianerottoli delle nostre case, ai cancelli dei nostri giardini; sulla vergogna delle carceri, sul destino di uomini abbandonati al loro destino, siano essi cassintegrati, disoccupati o futuri tali; sulle tendenze razziste e xenofobein Europa. Ci sono sguardi pietosi su fatti dicronaca, come il suicidio del ragazzo incompreso e deriso per la sua diversità, il suicidio del padre di
famiglia disperato, la violenza che si consuma tra le pareti domestiche, sui fatti di Genova rimasti impressi nelle nostre memorie e coscienze. Poi, due poesie-lettere, una, rabbiosa, di indignazione verso chi profana le Istituzioni con comportamenti
non dignitosi, disonesti e inaccettabili, lʼaltra, una lettera dʼamore allʼItalia, alla sua bellezza, un
inno alla sua capacità di risorgere dal degrado, di risvegliarsi fiera dal sonno indolente che lʼha avvolta. Questa antologia porta con seʼ una ricchezza di messaggi che non può e non deve passare inosservata, megafono di quel che bolle e ribolle nella pancia del Paese, manifesto di un popolo che chiede giustizia, onestà, chiarezza, rispetto per lʼUomo.
Desidero ringraziare i poeti americani Michael Rothenberg e Terri Carrion, presenti con due loro opere allʼinterno dellʼAntologia, fondatori del Movimento 100 Thousand Poets for Change, che vede la partecipazione di migliaia di poeti in tutto il mondo con centinaia di eventi in contemporanea; il poeta e critico del Corriere della Sera Ottavio Rossani, che firma la prefazione del volume e che ha collaborato alla sua realizzazione insieme a Paola Musa e Benny Nonasky,entrambi autori della collana ControVerso di poesia di Albeggi Edizioni. Le loro poesie sono allʼinterno dellʼAntologia. Desidero ringraziare anche lʼamica attrice Annarita Chierici, per il suo sostegno, e Patrizia Tomasich, Presidente del Museo dei Bambini Explora di Roma, luogo in cui il 28 settembre 2013 i poeti incontrano i bambini esplorare insieme la magia della poesia. Infine, un ringraziamento speciale va a tutti i 29 poeti che hanno voluto mettere a disposizionegratuitamente una loro opera inedita, sposando le finalità di questa iniziativa.
Ci sono poeti molto noti accanto a poeti poco noti, grandi nomi della poesia italiana accanto a esordienti,ma tutti rigorosamente in ordine alfabetico, per scelta dellʼeditore, volutamente per ridurre quelle distanze che le caste producono e conservano nel nostro Paese, volutamente per dare un segno di impegno e di sforzo comune.
A tutti loro va la mia stima e la mia riconoscenza. La ricchezza espressiva e di contenuti di questo lavoro è notevole, come degno di nota è lʼinsieme di messaggi che da esso si levano.
Le poesie sono consultabili gratuitamente sul sito http://www.albeggiedizioni.com, sul blog wordpress. lapoesiacheserve.com e accessibili anche dalla
pagina facebook di Albeggi Edizioni.

Ilaria Catastinisalice_def_300

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: