Home > Poesia > I disertori – Paola Musa

I disertori – Paola Musa

Non provare a lasciarmi,
il tuo dolore mi appartiene.

Credi davvero di esistere
al di là delle mie mani
che amano e percuotono?

Stasera sarai cagna un’altra volta,
nessuno deve ridere di me
perché mi lasci.

Ho una divisa io, e conterà qualcosa.

Ho il rispetto dei colleghi
e la stima del mio capo:
che ne sai tu, cosa capisci della vita.

Quando ti schermi con i figli
che insieme a te frignano alle urla,
i pensieri son vermi sulle orbite
e so di essere nulla senza vittime.

Stringimi donna, la verga sei tu
che vorresti dividermi da me,
lasciarmi nudo al mio cospetto.

Amami, Eva dannata che rubi
le certezze e mangi col mio nome,
l’unica stirpe è la famiglia.

Oppure periremo insieme,
e da buon soldato impedirò
la fuga ai disertori.

Poesia tratta dalla raccolta ORE VENTI E TRENTA (ALBEGGI EDIZIONI) di Paola Musa

Oggi e’ la giornata contro la violenza sulle donne. Secondo l’Istat, in Italia le donne tra i 16 e i 70 anni che hanno subito una qualche forma di violenza sono 6 milioni e 743mila, il 31,9% del totale: una su tre. violenza

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...